Il Monte Bianco #2: la mia Ricetta

Forse vi ricorderete che lo scorso novembre vi avevo parlato di un dolce davvero speciale: il Monte Bianco della Pasticceria Angelina di Parigi (trovate la ricetta qui). Oggi invece vi insegnerò la mia versione di questo dessert a base di castagne. La mia ricetta è un adattamento di quella di famiglia, io per semplificare ho iniziato ad utilizzare le castagne già cotte che trovo al supermercato in buste sotto-vuoto, le trovo molto buone e non apportano alcuna differenza al risultato finale. Risparmio invece parecchio tempo nella preparazione. Cuocere e sbucciare a mano quasi un chilo di castagne è un lavoraccio, ricordo che quando ero piccola mia mamma mi preparava questo dolce solo una volta all’anno e solo in seguito ad insistenti richieste, già da bambina lo trovavo delizioso e ancora oggi è in assoluto uno dei miei dolci preferiti. Da qualche anno mi ha passato la sua ricetta e così ora posso mangiarlo tutte le volte che lo desidero, visto che fortunatamente, a differenza di quelle fresche, le castagne sotto-vuoto si trovano tutto l’anno.

Ingredienti per 6 – 8 persone:

750 gr di castagne lesse

180 gr di zucchero semolato

mezzo bicchiere (circa 100 ml) di latte

3 – 4 cucchiai di cacao amaro (circa 35/40 gr)

un cucchiaio di rum

250 ml di panna fresca

1 cucchiaino di zucchero a velo.

Con lo schiaccia-patate passare le castagne, aggiungere il latte, lo zucchero, il cacao e il rum, lavorare bene in una ciotola capiente con un cucchiaio di legno. Quando tutti gli ingredienti saranno ben amalgamati, passare il composto con lo schiaccia-patate su un piatto da portata, cercando di formare una sorta di montagna. Per montare la panna è necessario che sia ben fredda, versarla in un contenitore alto e stretto e lavorarla rapidamente con il frullatore ad immersione, io ho utilizzato il Bamix con la “frusta”, ovvero il disco liscio che è stato creato appositamente per montare la panna in pochi secondi. Quando la panna inizia ad addensarsi, aggiungere lo zucchero a velo e frullare ancora qualche istante, facendo però attenzione a non renderla troppo dura, deve rimanere morbida e cremosa. Ora versare la panna sulla “cima” del Monte Bianco e lasciar riposare qualche ora il dolce nel frigo prima di servirlo.

SalvaSalva

SalvaSalva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *