Zuppa di Fave in due Maniere

La primavera non è solo sinonimo di cambio dell’armadio, fiori colorati e uscire con l’ombrello anche se fuori c’è il sole. La primavera è il periodo degli asparagi, delle fragole ma soprattutto dei legumi freschi, che solitamente siamo abituati a comprare secchi, surgelati o, peggio, già cotti e rinchiusi in un barattolo. Io stessa, fino a poco tempo fa, non avevo mai comprato le fave fresche e non sapevo quanto fosse soffice l’interno del loro baccello. Sembra un morbido cuscino di zucchero filato. Sfogliando il libro “Al mercato con Joanne Harris” mi sono soffermata sulla ricetta della Zuppa Primavera, una semplicissima crema di fave arricchita dal sapore gustoso della pancetta. Ma, dato che in questo periodo sto riconsiderando le mie abitudini gastronomiche e mi sto impegnando ad eliminare carne e latticini dal mio menù almeno per due o tre giorni a settimana, ho pensato di complicarmi la vita e proporvi due ricette in un colpo solo: la zuppa di fave classica e la zuppa di fave vegan.

Zuppa di Fave Classica (Zuppa Primavera)

Ingredienti per 2 persone:

1 cucchiaio di olio evo

mezza cipolla, tritata finemente

50 gr di pancetta dolce a cubetti

mezzo litro abbondante di brodo vegetale (trovate la ricetta qui)

500 gr di fave da sbucciare

sale e pepe

Sbucciare le fave. In un tegame dorare la cipolla e la pancetta con l’olio evo per 5 minuti, aggiungere poi le fave, tenendone da parte una decina, ed il brodo già caldo. Portare a bollore e lasciar cuocere per 30 minuti, poi con un mestolo trasferire la zuppa in un contenitore alto e stretto, facendo attenzione a non bruciarvi, poi con il frullatore ad immersione ridurla in una crema omogenea. Io ho utilizzato il Bamix con la lama multiuso, che, oltre ad omogeneizzare, emulsiona la crema, così da renderla più soffice e morbida al palato. Ora trasferire nuovamente la zuppa nel tegame, aggiungere le fave crude che avevamo conservato e cuocere altri 5 minuti, aggiustando di sale. Al momento di servire, versare un goccio d’olio crudo e macinare sulla superficie un po’ di pepe nero.

Zuppa di Fave Vegan

Ingredienti per due persone:

Un cucchiaio di olio evo

due cucchiai di misto per soffritto (sedano-carota-cipolla)

mezzo litro abbondante di brodo vegetale (trovate la ricetta qui)

500 gr di fave da sbucciare

2 cucchiai di lievito alimentare disattivato (lo trovate nei negozi di alimenti biologici, io l’ho comprato da NaturaSì)

sale e pepe

Sbucciare le fave. In un tegame dorare il misto per soffritto con l’olio evo per 5 minuti, aggiungere poi le fave, tenendone da parte una decina, ed il brodo già caldo. Portare a bollore e lasciar cuocere per 30 minuti, poi con un mestolo trasferire la zuppa in un contenitore alto e stretto, facendo attenzione a non bruciarvi, poi con il frullatore ad immersione ridurla in una crema omogenea. Io ho utilizzato il Bamix con la lama multiuso, che, oltre ad omogeneizzare, emulsiona la crema, così da renderla più soffice e morbida al palato. Ora trasferire nuovamente la zuppa nel tegame, aggiungere le fave crude che avevamo conservato e cuocere altri 5 minuti. Aggiungere a fuoco spento il lievito alimentare e aggiustare di sale. Al momento di servire, versare un goccio d’olio crudo e macinare sulla superficie un po’ di pepe nero.

Se vi piace la ciotola in ceramica Raku con le fave sbucciate la trovate in vendita nel mio Negozio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *